Contatti .......

A quando risale la tradizione vivaistica pistoiese?

Il vivaismo pistoiese nacque alla metà dell’Ottocento anche se si attesta l’esistenza di orti con piante ornamentali in città fin dal Medioevo, in spazi all’interno delle mura urbane. 
La consacrazione di questa attività produttiva destinata ad avere grande successo avvenne peró nel 1851, anno in cui si tenne l’Esposizione Pistoiese di Orticoltura, manifestazione che ricevette l’apprezzamento anche da parte del Granduca di Toscana. 

La vasta gamma ed assortimento di piante prodotte fu un segno chiarissimo del successo nonchè della veloce espansione e dell’alto livello di specializzazione che il vivaismo fin dai suoi inizi raggiunse, definendosi a Pistoia come una nuova attività destinata a gettare nuova luce sull’economia e la produttività locale.
Fin dai primi decenni del Novecento, la superficie a vivai infatti aumentó esponenzialmente, segno di un lento ma graduale ed inesorabile sviluppo. Le colture di conseguenza presero piede - andando a sostituire, almeno in buona parte, gli allevamenti animali e i campi a filari di vite - e si allargarono dagli spazi urbani verso la campagna e ben oltre le mura urbane. A partire da quegli anni quindi si inizia a formare intorno alla città una “cintura” verde, sviluppata in particolare modo nella zona sud di Pistoia (per intendersi, dove oggi sorgono paesi rurali come Canapale, Badia a Pacciana, Piuvica, Masiano, Ramini, solo per citarne alcuni), caratterizzata da terreni oltremodo fertili.

In tempi più recenti, andando al passo con la tecnica e l’avanguardia, vennero poi messe a punto alcune tecniche basilari per lo sviluppo delle colture di piante ornamentali (famosa a Pistoia l’arte topiaria). Tale espansione ebbe effetti di grande importanza su tutta l’economia agricola locale: le imprese esistenti si consolidarono, alcune facendosi conoscere anche sul mercato europeo e portando alto il nome della città fuori dai suoi confini.

Inutile dire quindi quanto il paesaggio rurale della pianura pistoiese così caratterizzato grazie alle fiorenti colture vivaistiche, sia tuttora parte del patrimonio storico e culturale del territorio. E, in questo caso, non c’è crisi che tenga!  

e-max.it: your social media marketing partner
MACO...SA RIDI?

 

Il buonumore sul sito di OltrePistoia è assicurato! Da chi? Dal nostro vignettista di fiducia: Mauro Colligiani o, in arte, MACO! Buon divertimento!

 CURIOSITA' IN PILLOLE
PERSONAGGI ILLUSTRI
OLTRE LO SGUARDO

 

Aforismi poetici a cura del poeta pistoiese Simone Magli

Leggi tutti gli aforismi

I POST IT DELL'ANIMA

 

Dediche di luoghi per persone che amiamo. Nello spazio di un post it.

Leggi tutti i post it

 COLLABORAZIONI

                                              
    

ATTENZIONE! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili.

Se si procede nella navigazione senza modificare le impostazioni del browser, si dimostra di accettarli. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookietracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stessodominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

(Tratto da Wikipedia)