Contatti .......

L'inviata romana - Streetart a Tor Marancia e Ostiense (Parte Prima)

- Voglio andare a Roma.
- Bene! A visitare cosa: il Colosseo, i Fori, il Vaticano?
- No, i quartieri popolari nelle periferie!

Per quanto un dialogo del genere possa sembrare paradossale, da qualche anno a questa parte è diventato possibile, se non desiderabile.
Oltre ai classici tour che permettono di godere la Roma repubblicana o degli imperatori, quella rinascimentale o ottocentesca, esiste infatti adesso la possibilità di vivere la Roma contemporanea, e di farlo attraverso quell'espressione artistica che meglio di qualunque altra esprime una città ai tempi del traffico e della cementificazione selvaggia: la street art.

Incuriosite dall'ennesima possibilità che l'inesauribile Città Eterna ci riserva, noi di OltrePistoia (nei panni Martina e Clara) abbiamo deciso di attraversare i quartieri periferici interessati da queste opere di riqualificazione artistica, portandovi in due zone della città non antiche né protette ma certo colorate e vissute: Tor Marancia e Ostiense.



Dopo il Pigneto, San Basilio e Testaccio, nel 2015 è stato infatti il turno di Tor Marancia, quartiere popolare alle porte dell'EUR, di essere interessato dal progetto denominato “Big City Life”progetto finalizzato a dare una nuova centralità alle periferie, anime moderne delle città di oggi, oltre che a rafforzare il tessuto sociale e ad educare alla bellezza chi pensa di non poterne beneficiare.

“Big City Life” è un progetto che significa creatività, libertà e bellezza ma anche 765 litri di vernice, 974 bombolette spray, 70 giorni di lavoro e un totale di 2500 mq di superfici coinvolte, per 20 murales realizzati da altrettanti artisti provenienti da 11 paesi diversi in una zona che ha acquistato, grazie a loro, nuova vita.

Arrivate alle undici palazzine del comprensorio 1 di Via Tor Marancia 63, ci imbattiamo subito in uno strano benvenuto: a quanto pare qui Shangai e Roma si incontrano, rendendo la Cina davvero più vicina. 
Il perché di questo nome lo scopriamo solo più tardi, quando facciamo la conoscenza di due anziane signore del quartiere, da noi interpellate durante il loro riposo al ritorno dal mercato. Scopriamo così che l'appellativo di Shangai è rimasto conficcato in Tor Marancia fin dall'epoca fascista, nei tempi in cui questa periferia, oggi piano piano inglobata dal centro di una Roma in perenne espansione, era veramente lontana dalla città, al di fuori della sua ricchezza e dei suoi traffici. Tanto che la gente, povera e disperata, quando diventava morosa e non riusciva a pagarsi casa, veniva stipata da Mussolini nei pressi dell'attuale quartiere di Tor Marancia, soprannominato, per evidenti motivi di sovraffollamento e di pessime condizioni di vita, appunto, Shangai.

Il passato del quartiere, come ci spiegano le due donne, è stato una delle fonti di ispirazione per gli artisti provenienti da tutto il mondo che fra il gennaio e il febbraio scorsi si sono ritrovati per dare nuova bellezza a questa parte di Roma troppo spesso dimenticata.
Dal ricordo di quella Shangai dei tempi di guerra e dall'esigenza di una nuova protezione al quartiere, è nata così anche la “nuova patrona” di Tor Marancia: Nostra Signora di Shangai, che le due signore dimostrano subito di apprezzare. Tanto da farci notare la scritta sottostante il grande murale, a metà fra la preghiera e l'asserzione, fatta nel nome degli abitanti del quartiere: “sotto la tua protezione cerchiamo rifugio."
La particolarità che si nota subito, infatti, non appena si arriva a Tor Marancia, è che questo esperimento di riqualificazione urbana, promosso dall'associazione culturale 999Contemporary e sostenuto dall'Assessorato alla Cultura, dalla Fondazione-Roma-Arte-Musei e dall'Ater, nonché patrocinato dal Municipio VIII di Roma Capitale, non è rimasto un tentativo istituzionale di imporre un decoro a zone spesso degradate e con alti tassi di delinquenza, ma si è calato all'interno delle dinamiche del territorio per trarre spunto dalla vita della zona in quelle opere che l'hanno poi invasa e decorata.

Le signore, ormai nostre amiche, ci svelano a tal proposito un altro aneddoto: una delle opere più rappresentative del quartiere, “Il bambino redentore” dell'artista francese Seth, ad occhi inconsapevoli può sembrare infatti la semplice rappresentazione di un ragazzino curioso, ma è stato il risultato di un dialogo fra l'artista e gli abitanti del luogo, che hanno manifestato il desiderio di ricordare con quell'opera un bambino morto anni prima nel cortile.
Il dialogo fra abitanti del luogo e artisti provenienti da tutto il mondo ha caratterizzato insomma la creazione di questo vero e proprio museo all'aria aperta, nato in simbiosi con i luoghi che lo ospitano e volto a rendere coloro che vi sono nati o cresciuti dei custodi attenti e abitanti orgogliosi dei propri spazi.


Le signore, per esempio, ci spiegano come non avessero capito che l'opera di Domenico Romeo dal titolo “Alme sol invictus” fosse una meridiana (e ci fanno chiaramente capire quanto poco l'apprezzino) mentre sono rimaste stupite da Pantonio, l'artista che ha dipinto delle straordinarie balene danzanti. Pensare che solo poco prima, ci svelano, l'artista era partito da un'idea del tutto diversa, ma poi, ascoltando il parere degli abitanti e temendo i fili pericolosi che pendevano dalla cima del palazzo, ha improvvisato un cambiamento radicale e spettacolare insieme, regalando al quartiere un branco di balene che sembrano giocare fra le finestre e i deumidificatori della palazzina.



Coinvolte in questo gioco, anche noi ci divertiamo a passeggiare in mezzo a queste grandi e variegate opere, decidendo quali ci colpiscono di più e quali invece non ci trasmettono poi molto. D'altronde, uno dei vantaggi dell'arte contemporanea, specialmente quando vive in mezzo alle persone comuni, è proprio quella di offrirsi totalmente ai giudizi della gente, senza preconcetti né obblighi di comprensione, restituendo all'arte una piena dimensione di socialità e libertà.
Passeggiando nei vialetti e fra le case della gente, anch'io ho scelto quindi le mie opere preferite: fra le tante, mi piace citare “Io sarò” di Guido Van Helten (con una bambina che sembra uscita da una foto di McCurry) e “Assolo” di Danilo Bucchi, moderna Dorothy dalle scarpette rosse.
È proprio Danilo Bucchi a ricordare, per l'appunto, quanto questo sia “un museo per il popolo, frequentato da un pubblico molto più spietato e più diretto ma anche più familiare.”
Le signore che abbiamo incontrato, e la nostra esperienza del luogo, non fanno che dargli ragione.

Giunte alla fine di questa prima parte del nostro percorso alla scoperta di una Roma inusuale ma non per questo meno affascinante, io e Clara non resistiamo alla tentazione di salutarvi davanti ad una delle opere più incisive e coinvolgenti dell'intero comprensorio: “Distanza uomo natura” di Jerico.
Conferma di come l'arte, in zone inaspettate come Tor Marancia, voglia tornare fra la gente e nel mondo, connettendo grazie alla bellezza uomini ad altri uomini e luoghi ad altri luoghi.

 


Martina Colligiani

e-max.it: your social media marketing partner
MACO...SA RIDI?

 

Il buonumore sul sito di OltrePistoia è assicurato! Da chi? Dal nostro vignettista di fiducia: Mauro Colligiani o, in arte, MACO! Buon divertimento!

 CURIOSITA' IN PILLOLE
PERSONAGGI ILLUSTRI
OLTRE LO SGUARDO

 

Aforismi poetici a cura del poeta pistoiese Simone Magli

Leggi tutti gli aforismi

I POST IT DELL'ANIMA

 

Dediche di luoghi per persone che amiamo. Nello spazio di un post it.

Leggi tutti i post it

 COLLABORAZIONI

                                              
    

ATTENZIONE! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili.

Se si procede nella navigazione senza modificare le impostazioni del browser, si dimostra di accettarli. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookietracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stessodominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

(Tratto da Wikipedia)