Contatti .......

L'inviata romana - Streetart a Tor Marancia e Ostiense (Parte Seconda)

Vi ricordate la nostra proposta di un tour originale della Capitale, attraverso le (sempre più numerose) opere d'arte proprie del contemporaneo urbano, ovvero quelle della street art? No? Malissimo: correte a rimediare, leggendo o rileggendo la prima parte del giro di Roma che OltrePistoia, nei panni di Martina e Clara, vi ha proposto!

 

Eravamo rimasti qui, alle undici palazzine del comprensorio 1 di Via Tor Marancia 63, quartiere un tempo lontano dal centro di Roma ma che è stato poi inglobato sempre più nel tessuto urbano della metropoli. Questo non ne ha diminuiti purtroppo i caratteri di marginalità, con alti tassi di delinquenza e di degrado. Proprio qui è intervenuta l'arte, e precisamente il progetto “Big City Life”, promosso dall'associazione culturale 999Contemporary, che ha attuato un principio semplice ma non per questo seguito: ovvero la bellezza può, anzi deve, essere di tutti. Da tutti può essere compresa e, soprattutto, può abitare anche in luoghi insospettabili, rendendo le pareti più allegre ma anche le persone più fiere dei luoghi che abitano. Questo è successo nel quartiere di Tormarancia, che nel corso del 2015 è stato invaso da grandi artisti provenienti dall'Italia e dal mondo, per creare quello che è adesso un vero museo all'aria aperta.

 

Questo insolito museo è frutto per di più della libera creatività degli artisti, certo, ma anche di un dialogo aperto con chi quegli spazi li ha vissuti e li dovrà continuare a vivere al meglio, sentendosene anzi responsabile, vera parte integrante dello spazio che abita.

Da questo fruttuoso dialogo è nata un'opera come “Spettacolo, rinnovamento, maturità” dell'artista americano Gaia. Come ci spiegano le due signore di ritorno dal mercato, che ormai sono diventate il nostro orecchio e occhio sul quartiere, questo murale ha un senso complesso e una nascita travagliata. La struttura da opera metafisica dechirichiana è simbolica in ogni dettaglio: mentre il palazzo nello sfondo è lo stesso su cui l'opera è stata realizzata, raffigurato ovviamente prima dell'intervento artistico, la grande testa di marmo che vi compare richiama il periodo in cui, per volere di Mussolini, fu creata Via della Conciliazione in un'opera di devastazione della città che spostò chi abitava in quelle zone proprio dove sarebbe sorta la borgata di Tor Marancia. Il pesce stesso ricorda i frequenti allagamenti che la “Shangai” romana, la Tor Marancia delle origini, spesso subiva, ribadendo le terribili condizioni in cui versavano i suoi primi abitanti. Quella che chiaramente è un'arancia, e che si collega quindi al nome del quartiere, era invece all'inizio un mandarino: Gaia ne voleva fare un vago richiamo alle abitudini del Sud Italia, ma sono stati proprio gli abitanti di Tor Marancia, all'interno di quelle dinamiche di confronto che prima accennavamo, a chiedere che il frutto fosse “trasformato” in un arancia, per loro più evocativa. Così come il nome: il titolo dell'opera è stato infatti deciso da persone del quartiere.
Eccovi
il risultato: suggestivo, senza dubbio, oltre che una vera sintesi artistica dello spirito della borgata.

Dopo aver camminato, così, fra diamanti e balene, mani e madonne, bambini e arance volanti, ci apprestiamo adesso a salutare le nostre anziane amiche, e a lasciare la suggestione fuori dal tempo di un quartiere con una nuova pelle, portatrice di gioia e dignità. Mentre ce ne andiamo ci sembra che il quartiere stesso ci ringrazi di aver capito la straordinarietà quotidiana di un posto come questo. Ci sembra quasi di essere osservate, mentre ci allontaniamo. Ma no, quello è solo il grande occhio del portoghese Vhils, l'ultima opera realizzata nel complesso, che ci guarda sornione le spalle, quando ce ne andiamo.

 

Abbandoniamo Tor Marancia, quindi, per dirigerci in un altro dei quartieri di Roma che più è stato interessato dal fenomeno della street art, dove potremo concludere il nostro tour: il quartiere Ostiense. Sorto all'inizio del Novecento, il quartiere Ostiense rappresentava la modernità rampante di Roma, con le sue centrali elettriche, gli opifici, le fabbriche e le caserme, nate sotto la spinta entusiastica verso il progresso e l'industrializzazione. Gli anni sono passati, però, e molte speranze da allora sono state deluse. Lasciando una cornice postindustriale fatta di degrado e inquinamento che, di nuovo, svilisce la Capitale e tende a far vivere male gli abitanti di queste zone. Proprio per questo, immersi nel caos del traffico, fra macchine che suonano il clacson e treni che corrono sui binari sopra le nostre teste, nel grigiume complessivo di queste strade e incroci, ecco che compare davanti a noi, improvviso e potente, un pezzo di...Blu.

In Via del Porto Fluviale, nel mezzo del disordine cittadino, spicca infatti un intero complesso a colori vivaci. È una vecchia caserma abbandonata e dal 2003 occupata dal Coordinamento Cittadino Lotta per la Casa, che è stata resa a nuova vita nel 2014 dall'opera di uno degli street artist più famosi d'Italia, nonché uno dei migliori dieci del mondo, per Forbes: Blu, appunto.

Di lui si sa poco, perché un'aura di mistero aleggia addirittura sui suoi dati anagrafici e sul suo aspetto. Originario probabilmente di Sinigallia, Blu ha ricevuto però il suo battesimo artistico a Bologna alla fine degli anni novanta, in un susseguirsi di crescenti consensi che l'hanno portato a frequentare le pareti di tutto il mondo: dalla Bolivia alla Palestina, dalla Sardegna al Cile, dalla Spagna alla Sicilia.

Non è un personaggio facilmente inquadrabile né afferrabile, Blu: attento alle dinamiche di sfruttamento ambientale, di disuguaglianza sociale e di impoverimento dovuto allo stile di vita moderno, alle guerre imperanti e al dominio dei mass media, l'artista marchigiano esprime chiaramente nei suoi lavori una presa di posizione netta nei confronti di una realtà e di un'umanità spesso violenta e deforme, mutevole e al tempo stesso schiava delle logiche di consumo che lei ha creato. Spesso le sue opere suscitano scalpore; scalpore suscitò anche il suo intervento nel quartiere Ostiense quando, accolto e ospitato dai 450 inquilini della caserma per un lavoro interamente da loro autofinanziato, Blu fu visto dondolarsi a dipingere su muri di quell'enorme estensione, fra chi minacciava sgomberi di un palazzo considerato ormai inagibile, chi si scandalizzava per le scarse misure di sicurezza e chi lamentava l'abusività dell'opera (svolta in due anni di lavoro senza autorizzazione ufficiale).
Fatto sta che i 27 faccioni colorati guardano ancora i passanti della via, destando ora più ammirazione che critiche, in un arcobaleno
di muri segno di integrazione e apertura. Segno rivolto a chi abita da tempo il quartiere o solo ha la fortuna di passarci, a monito del potere ancora oggi sconvolgente ed emancipante dell'arte.

  

Così, mentre osserviamo l'altro lato dell'immensa struttura, dove campeggia un enorme veliero trasformato in città navigante, preda di spietati palazzinari e attaccato da irreali pirati, capiamo cosa intendeva Giovanna Marinelli, ex assessore alla cultura e al turismo di Roma, quando parlava del 25esimo museo civico della città: quello fatto dalla street art, appunto. Una miriade di opere di artisti più o meno famosi, italiani e stranieri, disseminati per quartieri soprattutto periferici della Capitale, che riescono a trasmettere energia e libertà valorizzando il patrimonio pubblico meno attraente, senza per questo essere ingabbiate in apposite istituzioni. Un museo in cui camminare e da vivere. “Ci interessa renderlo fruibile”, ricorda infatti l'assessore, “non istituzionalizzarlo.” Nell'ottica di una migliore conoscenza e rintracciabilità di questa collezione diffusa, di questo museo sparso per la città stanno nascendo infatti sempre più guide, manuali e app che aiutano a identificare e localizzare le varie opere d'arte. Per i tanti (sempre più numerosi) che, come noi, vogliono gustare anche questo lato splendente, critico e contemporaneo della città.

In tempi in cui impazzano le polemiche sulla cancellazione, da parte dello stesso Blu, di molte delle opere da lui realizzate negli anni a Bologna, destinate a essere asportate e chiuse in un museo, questo spinge a farci riflettere che, forse, il vero luogo dove la street art deve rimanere è proprio la città, nel mezzo a tutti i suoi problemi e fragilità. Rischiando anche di sparire, ma senza perdere il legame imprescindibile col territorio e i suoi abitanti che l'ha generata.

Per salutarvi e concludere il nostro tour fatto di colori e muri dipinti, vi lasciamo quindi con un meraviglioso video che anima le creazioni di Blu e che non potrà non ipnotizzarvi, rivelando tutto il fascino anche del vialetto più banale o del muro sotto casa.

Buona visione!

 


 

Martina Colligiani

e-max.it: your social media marketing partner
MACO...SA RIDI?

 

Il buonumore sul sito di OltrePistoia è assicurato! Da chi? Dal nostro vignettista di fiducia: Mauro Colligiani o, in arte, MACO! Buon divertimento!

 CURIOSITA' IN PILLOLE
PERSONAGGI ILLUSTRI
OLTRE LO SGUARDO

 

Aforismi poetici a cura del poeta pistoiese Simone Magli

Leggi tutti gli aforismi

I POST IT DELL'ANIMA

 

Dediche di luoghi per persone che amiamo. Nello spazio di un post it.

Leggi tutti i post it

 COLLABORAZIONI

                                              
    

ATTENZIONE! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili.

Se si procede nella navigazione senza modificare le impostazioni del browser, si dimostra di accettarli. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookietracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stessodominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

(Tratto da Wikipedia)