Contatti .......

Ugo Pagliai

Ugo Pagliai nasce a Pistoia il 13 novembre 1937, da una famiglia come tante, dove si cercava di sopportare le miserie della guerra anche improvvisando piccoli spettacoli casalinghi: il padre, infatti, di professione commesso, amava suonare il mandolino, mentre la madre cantava.
Dall'ambito familiare la passione del piccolo Ugo per il teatro si sposta presto sui palchi delle parrocchie e dei quartieri, fino
a quando conosce Fabrizio Rafanelli, in seguito direttore e rifondatore del G.A.D. di Pistoia, che intuisce le potenzialità del ragazzo e lo spinge sempre più a coltivare il suo talento artistico.
A 19 anni, così, Ugo Pagliai lascia la piccola e provinciale Pistoia, che in quel momento sentiva per sé troppo stretta, per frequentare l'Accademia d'Arte Drammatica “Silvio d'Amico” a Roma. Ottenuto il diploma di attore, prende subito parte a varie compagnie, iniziando a lavorare sia in teatro che per la televisione. Tornando a vedere un saggio in Accademia conosce Paola Gassman, anch'essa attrice di talento nonché figlia del celebre Vittorio, e di lei s'innamora. I due condividono il palcoscenico per la prima volta poco dopo, con Mariangela Melato; da allora comincia fra i due una relazione che, seppur non sancita da un effettivo matrimonio, dura salda fino a oggi, dopo quasi quarantacinque anni trascorsi insieme sia nella vita che sulla scena.
Formatosi in teatro grazie a registi del calibro di Squarzina, De Lullo, Costa e Castri, Pagliai nel '63-'64 è al Teatro Stabile di Genova, in seguito allo Stabile di Roma e poi dell'Aquila. I ruoli che lo rendono famoso a livello nazionale sono però quelli televisivi che ricopre fra gli anni sessanta e settanta: da Il conte di Montecristo a Lawrence d'Arabia, da Nero Wolfe a sceneggiati di grande successo quali Il segno del comando e L'amaro caso della baronessa di Carini, entrambi diretti dal regista e amico Daniele D'Anza.
Dal 1973 Pagliatorna più assiduamente sull'amato palcoscenico e, costituita una compagnia teatrale con Paola Gassman, interpreta con lei molti testi, da Spettri di Ibsen a Il gatto in tasca di Feydeau, da L'uomo, la bestia e la virtù di Pirandello a Il padre di Strindberg o all'Elena di Euripide, mostrando grande versatilità e amore per il teatro in tutte le sue declinazioni. Nel '97-'98 recita anche in Bugie Sincere di Vittorio Gassman, con cui Ugo Pagliai mantenne sempre ottimi rapporti, tanto che il celebre suocero dedicò questo testo proprio a lui e alla figlia Paola. Nel 2000 l'attore pistoiese è protagonista e regista del Giobbe di Karol Wojtyla, da cui riceve, emozionato, i complimenti.
Impegnato sporadicamente nel cinema e nella TV, attivo anche nel campo del doppiaggio, adesso Ugo Pagliai si dedica con entusiasmo principalmente al teatro, non solo portando in scena testi di Shakespeare o di Goldoni, di Beckett o di Sofocle, ma anche promuovendo i piccoli teatri del pistoiese e gruppi di giovani con progetti sperimentali che gli chiedono consiglio.
Dopo una lunga e soddisfacente carriera, infatti, che l'ha portato ad essere direttore artistico del teatro comunale di Teramo, Ugo Pagliai ama adesso tornare frequentemente nella sua città natale, specialmente nella piccola mansarda che possiede sulla Sala, da dove può godere al meglio del fascino del centro. Di Pistoia dice:Io sono molto attaccato a questa città che appare chiusa, appartata, ma è invece piena di vitalità. Ci sono dei climi che io amo, e mi dà forza pensare di essere nato in questa terra.” Un bell'auspicio perché la città continui a generare nuovi talenti come il suo.

e-max.it: your social media marketing partner
MACO...SA RIDI?

 

Il buonumore sul sito di OltrePistoia è assicurato! Da chi? Dal nostro vignettista di fiducia: Mauro Colligiani o, in arte, MACO! Buon divertimento!

 CURIOSITA' IN PILLOLE
PERSONAGGI ILLUSTRI
OLTRE LO SGUARDO

 

Aforismi poetici a cura del poeta pistoiese Simone Magli

Leggi tutti gli aforismi

I POST IT DELL'ANIMA

 

Dediche di luoghi per persone che amiamo. Nello spazio di un post it.

Leggi tutti i post it

 COLLABORAZIONI

                                              
    

ATTENZIONE! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili.

Se si procede nella navigazione senza modificare le impostazioni del browser, si dimostra di accettarli. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookietracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stessodominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

(Tratto da Wikipedia)