Contatti .......

"Il mio bel San Giovanni": il Battistero di Firenze

Il Battistero di Firenze è una delle più antiche chiese di Firenze, posto di fronte alla Cattedrale della città, la chiesa di Santa Maria del Fiore. Veniva, e viene ancora usato per battezzare le persone (anticamente il battesimo veniva impartito agli adulti, mentre adesso viene dato ai bambini), che quindi possono trovare una nuova vita in Cristo.


La prima struttura fu costruita durante il V secolo; i fiorentini del Medioevo credevano che in origine il Battistero fosse un antico tempio dedicato al dio Marte, poi trasformato in chiesa. Anche se ciò non è storicamente vero, questa tradizione è importante perché testimonia che le antiche origini di Firenze erano generalmente note.
I fiorentini decisero di costruire il Battistero a nord-est della città perché qui vi erano alcune case risalenti all’epoca romana che possedevano un sistema idrico che garantiva l’acqua corrente, e il battesimo avveniva per immersione della gente, quindi i fiorentini necessitavano di un sacco di acqua per battezzare le persone.
La prima struttura era più piccola dell’attuale, ma aveva la stessa forma ottagonale, perché l’ottagono richiama l’ octava dies, l’ottavo giorno dopo i sette della settimana terrestre, quindi si riferisce all’eternità della nostra salvezza.
L’esterno dell’edificio è caratterizzato da due tipi di marmo disposti in maniera geometrica, il famoso marmo bianco di Carrara e il serpentino verde di Prato: quindi, per decorare l’esterno si usarono materiali che potevano essere facilmente reperibili. Posti in motivi geometrici, i marmi assumono la forma caratteristica di quello che è chiamato lo stile romanico fiorentino, che è presente anche sulla facciata della chiesa di San Miniato al Monte.

 

Fra le tre porte esterne del Battistero la più bella e famosa è la Porta del Paradiso, una porta bronzea, poi dorata, opera di Lorenzo Ghiberti che vi lavorò fra il 1425 e il 1452. Invece di dividere la porta in venti pannelli, come le altre due porte, il Ghiberti decise di creare solo dieci pannelli, inserendo in ognuno più di una storia del Vecchio Testamento. La superficie bronzea venne ricoperta con una finissima foglia d’oro, anche se la porta che possiamo vedere all’esterno del Battistero è solo una copia, mentre l’originale si trova all’interno del Museo dell’Opera del Duomo di Firenze. Merita senza dubbio una visita, dal momento che è stata restaurata da pochi mesi dopo ventisette anni di restauro, e la sua superficie brilla talmente tanto che la copia sembra quasi sporca, a confronto.

 

La prima cosa che si nota entrando è la bella cupola coperta di preziosissimi mosaici e per l’epoca era una delle più grandi al mondo decorate con questa tecnica. Sulle tessere che compongono il mosaico è presente una sottile foglia d’oro, che rende la cupola una meraviglia di splendore.
I mosaici furono progettati e disegnati da artisti fiorentini, fra cui Cimabue e Coppo di Marcovaldo, ma Firenze non aveva una tradizione di mosaicisti, per cui furono chiamati artisti veneziani a realizzare la decorazione della cupola, a cui si lavorò tra il 1270 e il 1340.

 

Camminando si può vedere come la superficie della cupola brilli da ogni punto di vista; questo dipende dal fatto che tutte le tessere sono poste sulla superficie con angoli diversi,  in modo da far sì che la luce sia riflessa su tutta la cupola.
Osservando i soggetti rappresentati nel mosaico, si può immediatamente riconoscere sopra l’abisde la maestosa figura di Cristo (è alto più di otto metri!). Ai lati i due spicchi della cupola sono divisi in tre registri: in alto ci sono angeli con i simboli della Passione di Cristo; nel registro mediano la Vergine e San Giovanni Battista si stagliano ai lati di Cristo, mentre dopo di loro vengono gli Apostoli seduti con, alle loro spalle, dodici angeli; nel terzo e ultimo registro si può vedere, a sinistra, la rappresentazione del Paradiso (con gli Eletti che risorgono dalle loro tombe e vengono fatti passare dalla porta di ingresso da un angelo, mentre dentro si possono scorgere i tre Patriarchi maggiori che siedono sui loro troni), mentre a destra quella dell’Inferno (Lucifero, al centro della scena, sta divorando i Dannati). Quindi i tre spicchi della cupola sopra l’abside raffigurano il Giudizio Universale alla fine del tempo, quando Cristo tornerà sulla terra per giudicare tutti.

 

Gli altri cinque spicchi della cupola sono divisi in registri. In quello superiore, prossimo alla lanterna, vi è una rappresentazione della natura, con piante e animali. E’ la più vicina alla lanterna perché la luce che da lì proviene rappresenta Dio e la natura gli è molto vicina, essendo una sua creazione. Nel secondo registro ci sono i Cori angelici, come Troni, Virtù, Angeli, Arcangeli, ecc. Il terzo registro presenta storie della Genesi, dalla Creazione del mondo al famosissimo Diluvio Universale. E’ l’inizio del rapporto fra Dio e gli uomini. Il quarto registro mostra le storie di Giuseppe l’Ebreo, una figura biblica che anticipa la venuta di Cristo, perché fu capace di dare salvezza dalla carestia agli Egiziani, tanto quanto Cristo l’avrebbe dato al suo popolo. Il quinto registro è dedicato alle storie della vita di Cristo, dall’inizio (Annunciazione) fino alla fine (Resurrezione). Il sesto e ultimo registro è quello di San Giovanni Battista, cui il Battistero è dedicato. Egli si trova nel registro più basso, quindi quello a noi più vicino, perché si pone come intermediario fra noi e Cristo (nel registro immediatamente superiore), noi e Dio (rappresentato dalla luce della lanterna).
Quindi, tutto il mosaico è un esempio della salvezza che possiamo trovare seguendo l’esempio di Cristo e grazie, ovviamente, al battesimo.
Ma dentro al Battistero c’è anche una specie di passaggio simbolico: infatti, le persone che non erano state battezzate non potevano entrare dentro la Cattedrale a seguire la celebrazione, quindi si ritrovavano qui per prepararsi a ricevere il sacramento del battesimo. Essi entravano dalla Porta del Paradiso camminando su due meravigliosi mosaici pavimentali, che si conservano ancor oggi, per raggiungere il centro del Battistero, dove si trovava il fonte battesimale e dove, quindi, potevano essere battezzati.
Le due lastre di marmo del pavimento sono decorate con soggetti diversi: la prima vicino alla Porta del Paradiso ha alcuni animali agli angoli (per la verità molto consunti), mentre la seconda, più vicina al centro, mostra uno zodiaco. Quindi, la prima rappresenta la terra, mentre la seconda il cielo: i non battezzati che entravano nel Battistero passavano da una condizione terrestre a una celeste per raggiungere, infine, il fonte battesimale al centro, dove potevano trovare una via di salvezza in Cristo (infatti, per i cattolici chi non è battezzato non può accedere al regno dei cieli).

 

Dentro al Battistero originariamente c’erano anche altre grandiose opere d’arte, che ora sono visibili al Museo dell’Opera del Duomo per ragioni conservative, come la Maddalena di Donatello, una scultura lignea di grande espressività, o l’ Altare argenteo di San Giovanni, un particolare altare in argento e oro che veniva usato solo in particolari occasioni liturgiche.

 

Adesso dentro all’edificio si trovano soltanto il fonte battesimale, realizzato nel 1370, e il Monumento all’antipapa Giovanni XXIII, un’integrazione di architettura e scultura, eseguito fra il 1422 e il 1428 dal famoso scultore Donatello e da Michelozzo, suo allievo, l’architetto che a Firenze realizzò, fra gli altri, il Palazzo Medici Riccardi, la prima residenza della famiglia Medici in città.

 

Talvolta ci sono visite guidate (l’unico modo) per salire ai matronei del Battistero, i due passaggi che salgono per vedere la struttura interna dell’edificio (si contatti il Centro Arte e Cultura per avere informazioni). E’ senza dubbio una visita meravigliosa, che permette di vedere la struttura interna del Battistero e scoprire che ha due cupole, una interna e l’altra esterna (anche se quest’ultima non può propriamente definirsi una cupola, ma un tronco di piramide a base esagonale), che dettero a Brunelleschi l’idea per la realizzazione delle sue due cupole nella Cattedrale. Infatti, egli prese proprio dal Battistero l’idea di costruire due cupole come due gusci, e voleva anche che la cupola interna della chiesa fosse decorata come quella del Battistero, con mosaici. Sfortunatamente, morì prima della realizzazione della decorazione e, essendo i mosaici costosissimi e non avendo Firenze una tradizione di mosaicisti, i fiorentini decisero di decorare la cupola del Brunelleschi con affreschi, anche se mantennero lo stesso soggetto del Battistero, il Giudizio Universale.
Il Battistero è, dunque, una meravigliosa struttura, ricca di arte e storia: Dante ne parlò chiamandolo  «Il mio bel San Giovanni», poiché l’amava e lo elesse quasi simbolo imperituro della città.

 

Caterina Bellezza 

e-max.it: your social media marketing partner
MACO...SA RIDI?

 

Il buonumore sul sito di OltrePistoia è assicurato! Da chi? Dal nostro vignettista di fiducia: Mauro Colligiani o, in arte, MACO! Buon divertimento!

 CURIOSITA' IN PILLOLE
PERSONAGGI ILLUSTRI
OLTRE LO SGUARDO

 

Aforismi poetici a cura del poeta pistoiese Simone Magli

Leggi tutti gli aforismi

 > FIRENZE - I PIU' LETTI
I POST IT DELL'ANIMA

 

Dediche di luoghi per persone che amiamo. Nello spazio di un post it.

Leggi tutti i post it

 COLLABORAZIONI

                                              
    

ATTENZIONE! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili.

Se si procede nella navigazione senza modificare le impostazioni del browser, si dimostra di accettarli. Per saperne di piu'

Approvo

In informatica i cookie HTTP (più comunemente denominati Web cookietracking cookie o semplicemente cookie) sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come ad esempio siti web preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei loro "carrelli della spesa".

Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stessodominio web. Il termine "cookie" – letteralmente "biscotto" – deriva da magic cookie (biscotto magico), concetto noto in ambiente UNIX che ha ispirato sia l'idea che il nome dei cookie HTTP.

Ogni dominio o sua porzione che viene visitata col browser può impostare dei cookie. Poiché una tipica pagina Internet, ad esempio quella di un giornale in rete, contiene oggetti che provengono da molti domini diversi e ognuno di essi può impostare cookie, è normale ospitare nel proprio browser molte centinaia di cookie.

(Tratto da Wikipedia)